Gare ospedaliere

Farmaci H: Da lotti deserti e pressione sui prezzi rischio di carenze e costi extra per il Ssn


Le strutture ospedaliere pubbliche rischiano di trovarsi a brevissimo a spendere assai più di oggi per l’acquisto di analgesici, antibiotici e addirittura farmaci oncologici, come conseguenza della “fuga” dei fornitori dalle gare per i medicinali off patent”.
A lanciare l’allarme è stato Massimiliano Rocchi, vicepresidente Assogenerici con delega per l’area ospedaliera, intervenendo all’VIII edizione del MePAIE, meeting annuale sul Mercato della Pubblica Amministrazione in Italia e in Europa, in programma oggi e domani a Cremona.
 
“A fronte dell’eccessiva pressione sui prezzi e al conseguente fenomeno dei lotti deserti nel nostro Paese si registra un costante rischio di carenze di fornitura e di extracosti per il Servizio sanitario nazionale - ha spiegato. - Si tratta di un dato noto agli addetti ai lavori ma su questo tema c’è una sorta di deficit di consapevolezza determinato dal fatto che le istituzioni, specie in questo momento, sono comprensibilmente concentrate sui valori di mercato riferiti a partico lari nicchie terapeutiche (es. epatite C), dedicando poca attenzione a percorsi terapeutici di routine che coinvolgono decine di migliaia di pazienti ogni giorno”.
 
Il focus è sul mercato ospedaliero, affetto da particolari criticità capaci di determinare impasse irreversibili sia sul fronte della concorrenza che su quello della produzione.
 
“In base ai dati Ims dell’anno 2016 - ha infatti spiegato Rocchi - il mercato farmaceutico ospedaliero complessivo è rappresentato da 974 milioni di UMF (unità minime frazionabili - singola fiala,compressa,etc) per un valore pari a 6 miliardi di euro ai prezzi ex - factory, ovvero il prezzo massimo di cessione al SSN non ancora sottoposto, nel caso dei farmaci off patent, allo sconto medio del 60% praticato in gara”.
 
Le aziende produttrici di generici equivalenti coprono di fatto circa il 32% del fabbisogno (circa 317 milioni di UMF). Nel dettaglio i dati citati da Rocchi si riferiscono in particolare alle seguenti quattro classi farmaceutiche individuate secondo la classificazione ATC (Anatomica Terapeutica Chimica):
 
- Classe K1 (soluzioni infusionali) di cui le aziende di Assogenerici garantiscono il 99% a volumi (165 milioni di UMF - unità minime frazionabili);
 
- Classe J1 (antibiotici), per il 69% a volumi (52 milioni di UMF);
 
- Classe N2 (analgesici) dove il comparto rappresenta il 41% a volumi (30 milioni di UMF);
 
- Classe L1 (oncologici), per il 35% a volumi (4 milioni di UMF).
 
 
“Il settore ospedaliero afferente alle aziende degli equivalenti movimenta volumi elevatissimi, in
molteplici casi in completa e definitiva assenza di competizione da parte delle aziende brand
-
ha
sottolinea
to Rocchi.
-
In questo quadro il sistema delle gare al massimo ribasso rischia di
determinare la fuoriuscita dal mercato di numerose imprese, soprattutto Pmi, con una significativa
riduzione del numero di aziende operanti e della possibilità di risparmio g
arantite fino a oggi dalla
competizione tra imprese. Di più, in particolare per alcuni specifici medicinali c’è anche un pesante
rischio di riduzione della capacità produttiva, con conseguente incapacità da parte del comparto di
far fronte alla domanda. Si
sono già avuti alcuni casi di mancata fornitura, con conseguente ricorso
da parte delle aziende a mercati esteri co
n costi superiori al previsto”.
I
numeri del fenomeno,
ha ribadito
,
sono già noti alle istituzioni:
“Una recentissima indagine
realizzata d
a Nomisma sugli effetti delle gare e sulla sostenibilità della spesa ospedaliera evidenzia
che negli anni dal 2010 al 2015 il tasso di partecipazione alle gare per le forniture ospedaliere da
parte delle aziende genericiste è andato progressivamente diminu
endo ed è corrispondentemente
aumentato il numero dei lotti non aggiudicati che rappresentano oltre un quarto del totale. E
anche la sola ripetizione della gara determina costi extra che potrebbero essere evitati”.
“È evidente
-
ha concluso
-
che senza
l’introduzione di adeguati correttivi restano pochi margini di
sostenibilità nel lungo periodo. E sarà l’intera spesa di settore ad entrare in crisi davvero”.